Giallo a Ponte a Greve: sparita l'arma che ha ucciso madre e figlio

I due corpi di Bruna Bolsi e Gianni Coli, madre e figlio, sono stati trovati nella loro casa immersi in un lago di sangue. Sono sette le coltellate sul collo di entrambi e l'arma del delitto è sparita

Cominciano a emergere i primi elementi chiarificatori sul giallo dei due cadaveri ritrovati oggi all'Isolotto, in via Baccio da Montelupo 140. Sui corpi della madre Bruna Bolsi, 84enne, e del figlio Gianni Coli 55enne, sono state rinvenute 7 coltellate sul collo di entrambi, ma l'arma del delitto non è stata trovata. Alla primissima ipotesi di un omicidio-suicidio si sostituisce dunque quella di un omicidio che, forse, ha coinvolto una terza persona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una testimone infatti ha dichiarato ai cronisti che, alle due e mezza circa di questa notte, un uomo ha scampanellato a tutti i condomini dicendo di aver perso il lavoro e di non avere soldi. I due corpi sono stati ritrovati immersi in un lago di sangue, supini a terra. Al momento la Polizia Scientifica è ancora sul luogo del delitto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: stop ai voli, rinvio per le discoteche

  • Mick Jagger si trasferisce in Toscana: "E' innamorato, forse rimane"

  • I borghi più belli della Toscana da visitare assolutamente

  • Marina di Castagneto: fiorentino muore dopo un bagno

  • Entra in funzione 'PagoPA', addio verbale rosa sull'auto: come cambiano le multe

  • Emergenza coronavirus non impatta sul mattone: Firenze città più cara d'Italia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento