"No al nuovo brand di Firenze" e da Facebook parte un nuovo concorso

Il nuovo contest sulla piattaforma social: tutti i progetti saranno pubblicati il primo aprile. Sino alle 23:59 del 7 aprile si potranno votare i preferiti cliccando "mi piace". Primo premio: "un gin tonic o lemon...però fatto col gin bòno"

'No al nuovo brand di Firenze' - fonte Facebook

Sfondo bianco, nero, rosso; ‘Florentia, Florenze, Florenz, Florencia’, quattro volte Firenze in latino, inglese, tedesco e spagnolo, dall’alto al basso. Vicinissimo per grafica, stile, caratteri, idea, al logo brand di Praga. Che altro? Il vincitore del super concorso internazionale – lanciato da Renzi nel 2013 – si chiama Fabio Chiantini, graphic fiorentino, in passato già collaboratore di amministrazioni pubbliche e di Palazzo Vecchio (l’ultima commessa risale a 6 anni fa). “Firenze – ha spiegato il vincitore a Repubblica Firenze – è una città già straricca di simboli, inutile replicarli. Ho scelto di valorizzarne il nome tradotto nel mondo, all’interno di un’immagine neutra”. Con la giuria tecnica che, una volta vagliati gli oltre 5mila progetti raccolti dalla piattaforma online ‘Zooppa’, ha premiato Chiantini per la filosofia essenziale dell’idea.

Che dire di altro? Una cosa, importante. L’essenzialismo in stile Praga non ha fatto “impazzire” il vicesindaco Nardella (che, una volta sindaco, pare orientato a cestinarlo) ma soprattutto non ha fatto impazzire i fiorentini.

Tanto che su Facebook, dove nelle scorse ore l’ironia sul brand si è scatenata e si è fatta come sempre spietata e impietosa, è nata una piattaforma che potrebbe elevarsi a simbolo: “No al nuovo brand di Firenze”. Una pagina che in appena due giorni ha raccolto oltre 1500 consensi. E che si presenta così: “Abbiamo già un simbolo, bello e storico. Non vogliamo che sia usato questo nuovo brand privo di senso, di riferimenti alla città, di personalità...”.

Finita qui? Neanche per sogno. I creatori della pagina, infatti, poche ore fa, hanno lanciato ufficialmente il ‘contest’  ‘Firenze nel mondo’. “L'obiettivo – scrivono gli ideatori – è sperare di riuscire a fornire più democraticamente qualcosa di meglio. Nella convinzione che l’unico vero simbolo di Firenze è e resterà il giglio”. E a quanto pare i primi progetti sono già arrivati.

Tuttavia, tanto per far le cose per bene, è uscito il regolamento ufficiale del concorso alternativo. Qui l’integrale:

OGGETTO - Da oggi sino al 31 marzo potrete mandare, rigorosamente per messaggio privato (non varranno quelli pubblicati sulla bacheca), la vostra idea di brand per Firenze. Il primo aprile, per rimediare al pesce (scorfano) che ci ha fatto il Comune, li pubblicherò tutti insieme sperando siano bellissimi squali che se lo divorino.

REGOLE (poche e semplici):
- chiunque può partecipare;
- le idee dovranno essere originali e rappresentative della città di Firenze, monumentalmente e culturalmente intesa;
- il logo dovrà contenere il nome della città o comunque renderla immediatamente identificabile a prima vista;
- il 1 aprile saranno pubblicati tutti i progetti nello stesso istante (per partire "alla pari"). Sino alle 23:59 del 7 aprile si potranno votare i preferiti cliccando "mi piace" e, ovviamente, chi ne avrà totalizzati di più, vincerà
- una raccomandazione, rimessa alle vostre coscienze: cerchiamo di essere seri, senza supplicare parenti e amici di votarvi, se piacete bene, altrimenti pazienza...

IL PREMIO AL VINCITORE – Alla fine, dopo la proclamazione, l’ambito premio: “Come premio offro personalmente un gin tonic o lemon. Oh, non sono mica l'Audi... però fatto col gin bòno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto: nuova scossa a Barberino

  • Maltempo: rischio nevicate in città

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Terremoto Firenze: danni in Mugello, oltre 200 cittadini fuori casa

  • Terremoto in Mugello, al lavoro per identificare la faglia: "Sciame sismico prosegue"

  • San Godenzo: arrestato mentre attende il figlio all'uscita di scuola

Torna su
FirenzeToday è in caricamento