Bilancio 2011: sequestrati 158 milioni alla mafia. Scovati 951 finti poveri

Presentati dalla Guardia di Finanza i dati dei sequestri eseguiti in Toscana nel 2011. La lotta alla mafia ha permesso di recuperare 158 milioni, scoperti 951 finti poveri

Presentato dalla Guardia di Finanza il bilancio economico relativo al 2011 della lotta alla criminalità. In totale sono stati 68 i milioni di euro di denaro pubblico “distratto” per corruzione e malaffare nella pubblica amministrazione. Importanti anche i risultati nel contrasto alla mafia e il riciclaggio di denaro con il recupero di 158 milioni di euro. Inoltre le fiamme gialle, solo nello scorso anno, sono riuscite a scovare 951 finti poveri per una frode complessiva al sistema del welfare di 1,5 milioni di euro.

MERCATO – Diffuso anche il contrasto alla contraffazione con il sequestro di 21 milioni di prodotti falsi o irregolari. Bene anche la lotta agli stupefacenti con il sequestro nel corso del 2011 di 1.824 chili di droga.

FRODI - In particolare, tra le indagini per “grandi frodi” la più significativa in provincia di Firenze ha riguardato l’Istituto Italiano di Scienze Umane che ha contabilizzato 1.500 mandati di pagamento per missioni fuori sede a fini non istituzionali, duplicazioni di rimborsi spese ed altre irregolarità, con la denuncia di 18 persone per peculato, abuso d’ufficio e truffa aggravata per un danno erariale stimato in 3,4 milioni di euro.

STATISTICHE - Su tutto il territorio regionale gli uomini del 117 hanno riscontrato come ogni due controlli sui beneficiari di prestazioni agevolate uno abbia dato esito irregolare, il 50%, a causa di certificazioni di redditi e patrimoni per importi più bassi di quelli effettivi. Rispetto al 2010, la percentuale dei controlli con esito irregolare è passata dal 35% al 52% del 2011. Tra gli accertamenti più rilevanti il caso di un imprenditore edile che aveva omesso ricavi per quasi due milioni di euro, riuscendo così ad ottenere un assegno di maternità da 1500 euro per la moglie. Eclatante anche il caso di due coniugi di Empoli che vivevano in una casa popolare e in strada avevano una Porsche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Il caso Palamara avvelena Firenze: giudice si prepensiona e accusa la presidente del Tribunale

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento