Noleggio bici chiude e svende tutto: “Causa invasione biciclette cinesi”

L'annuncio della Cooperativa Ulisse a pochi mesi dall'introduzione del bike sharing: “Svendiamo 200 bici, in 4 senza lavoro”

L' “invasione” in città delle biciclette del bike sharing, Mobike e Gobee Bike, ha avuto un effetto collaterale: la stop al servizio di noleggio bici da parte della Cooperativa Ulisse, che gestiva, in appalto dal Comune, i due punti noleggio di Largo Annigoni e Santa Maria Novella.

Il servizio, dopo oltre 10 anni, non è stato riappaltato e si è concluso il 31 dicembre 2017 (il punto in Largo Annigoni era già stato chiuso nei mesi precedenti). “Causa invasione di biciclette cinesi, svendiamo il nostro parco ex noleggio”, si legge sulla pagina Facebook della cooperativa.

“Comprendiamo la scelta dell'amministrazione, con il bike sharing l'offerta si amplia molto ma non possiamo dire di non esser dispiaciuti”, ammette Cristiano Sciascia, il responsabile inserimenti lavorativi della cooperativa, conosciuta in città per i progetti di reinserimento di ex detenuti e persone socialmente svantaggiate.

“Ai punti noleggio lavoravano 4 persone, ora disoccupate, tra cui due ex detenuti. Per loro trovare lavoro sarà ancora più difficile, anche se da Palazzo Vecchio promettono di aiutarci per il reimpiego”, prosegue Sciascia.

Le 200 bici del parco mezzi sono quindi state messe in “svendita”, come annunciato su Facebook, a prezzi tra i 60 e 100 euro (per info segreteria@cooperativaulisse.org). Prosegue invece l'attività dell'officina all'interno di Sollicciano, nata per dare una possibilità di lavoro durante la permanenza in carcere e favorire il reinserimento una volta usciti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il Comune, dopo 18 mesi in deposito, ci fornisce le bici rimosse dalle strade - spiega il responsabile di Ulisse -. Una parte le ripariamo a Sollicciano, dove impieghiamo a tempo pieno un detenuto e speriamo di assumerne un altro part time. I 'rottami' veri e propri invece tornano in vita grazie al progetto 'A piede libero'”. Le bici recuperate vengono poi vendute al pubblico tutti i venerdì pomeriggio nell'officina di via Baccio Bandinelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

Torna su
FirenzeToday è in caricamento