Piazza dell'Unità, nella biblioteca della Regione anche la macchina da scrivere di Oriana Fallaci

Tre biblioteche riunite in Palazzo Cerretani, 160mila libri a disposizione di tutti: durante il restauro è spuntato anche un pozzo romano

C'è anche la macchina da scrivere originale di Oriana Fallaci, sulla quale tante volte ha battuto i tasti la giornalista e scrittrice fiorentina. Protetta all'interno di una teca in vetro.

La si può vedere nella rinnovata biblioteca della Toscana di piazza dell'Unità, a due passi dalla stazione, dedicata al granduca Pietro Leopoldo ed illustrata questa mattina ai giornalisti dal presidente del consiglio regionale Eugenio Giani.

160mila monografie, 200 abbonamenti a periodici cartacei, 284 a periodici e quotidiani on line, 6 percorsi tematici, 900 metri lineari di volumi a scaffale aperto, accessibili dagli utenti. In 600 metri quadri di spazio con 34 postazioni di lettura e 9 internet, oltre al wi-fi.

Questi alcuni numeri della biblioteca dopo i lavori di restauro che, a cura della giunta regionale, sono iniziati nel 2008 per mettere insieme “tre biblioteche in una”.

I nuovi spazi riuniscono infatti tre grandi nuclei documentari: la documentazione giuridico legislativa, prima ospitata in via Ricasoli (sede dismessa); la biblioteca dell'identità toscana, con pubblicazioni di piccoli editori, spesso introvabili, e oltre 1.700 guide turistiche; la biblioteca della giunta, unificata ora a quella del consiglio, con volumi su territorio, ambiente, cultura, istruzione, sport e turismo.

Durante i lavori è spuntato, in sottoranea, anche un pozzo di origine romana. “Risalente forse addirittura all'epoca etrusca”, dice Giani, che annuncia per il futuro percorsi di visita storico-turistici.

La biblioteca, ospitata in Palazzo Cerretani, ha inoltre acquisito la proprietà di importanti fondi documentari: tra gli altri, l'archivio Gordon Craig, il fondo Luzi, le carte di Enrico Pea e Benedetti Orengo, l'archivio Pancrazi. Alla biblioteca dovrebbe arrivare a breve anche la donazione del fondo Oriana Fallaci.

La biblioteca è già aperta al pubblico, con orario ampliato rispetto al passato (9-17, dal lunedì al sabato). L'inaugurazione ufficiale sarà però martedì 8 novembre.

“Nasce una delle più importanti biblioteche della Toscana”, commenta Giani, dopo avere elogiato ieri, ad un'iniziativa sul servizio bibliotecario nazionale, il valore del libro cartaceo. “Ha un valore che non può e non deve venir meno. I nuovi sistemi multimediali e digitali, pur comodi, non sono in grado di sostituire l’accesso alla conoscenza che offre il volume da sfogliare”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Le Frecce tricolori volano "a domicilio": il giro d'Italia passa da Firenze

  • Santa Maria Novella: ragazzina presa a schiaffi e rapinata alla fermata dalla tramvia

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Fase 2: hotel al collasso, lavoratori alla fame. Confindustria Firenze: "Situazione sociale sarà drammatica"

  • Natalie Portman, lettera d'amore a Firenze: "La magia delle celle dei frati affrescate a San Marco, il gelato e..."

Torna su
FirenzeToday è in caricamento