Bekaert: 252 lavoratori senza cassa integrazione, il presidio / FOTO

La re-industrializzazione è ancora in alto mare

Foto tratta dalla pagina Facebook 'Fiom Firenze'

Questa mattina davanti alla Prefettura si è tenuto un presidio per ricordare a tutti che 252 lavoratori Bekaert sono ancora in attesa di notizie riguardo il processo di re-industrializzazione dello stabilimento e del pagamento della cassa integrazione, reintrodotta ma ancora non autorizzata dall'Inps. Lo scrive in una nota la Fiom Cgil Firenze. 

Il segretario generale della Fiom-Cgil Firenze, Daniele Calosi, ha detto: "Invito Fim e Uilm fin dal 28 marzo a mettere in campo tutte le iniziative utili affinché tutti e 252 i lavoratori passino alle stesse condizioni economiche, normative e retributive nella nuova azienda".

La Fiom, ha concluso Calosi: Nnon ha mai fatto accordi separati, e non li farà nemmeno questa volta" 

Bekaert: cassa integrazione

Calosi, è stato ricevuto dal prefetto. Si è concluso l’incontro in Prefettura, dopo un breve aggiornamento sullo stato attuale della vicenda Bekaerti. Il prefetto si è reso disponibile a continuare a monitorare la situazione prendendo contatti con il Ministero.

Il 28 marzo prossimo ci sarà un nuovo incontro con il Ministero dello Sviluppo Economico.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Campo di Marte: spunta un'altra casa della droga, dentro 'tesoretto' di 22mila euro in contanti

  • Cronaca

    Prato: 150 al comizio di Forza Nuova, in 5mila alla contro-manifestazione antifascista / FOTO

  • Cronaca

    Calenzano, sorpresi con 250 kg di rifiuti tessili illegali: due denunce

  • Cronaca

    Lungarno Acciaiuoli: cade un pezzo di cornicione

I più letti della settimana

  • Festa del papà: perché in Toscana si dice “babbo”

  • Siria: ucciso dall'Isis giovane combattente fiorentino

  • Rissa fra genitori: partita sospesa, bambini in lacrime

  • Autostrada A1: incidente tra mezzi pesanti, un morto

  • Ucciso dall'Isis, la lettera d'addio di Lorenzo: “Sono morto facendo quello che ritenevo giusto”

  • Lite al ristorante degenera: cuoco finisce all'ospedale

Torna su
FirenzeToday è in caricamento