Bekaert: il caso finisce in Europa, il Pd chiede un'indagine

Lettera alla Commissaria europea alla concorrenza. E i lavoratori incontrano il Consiglio regionale

Una lettera alla Commissaria europea alla concorrenza Margrethe Vestager per chiedere l’apertura di una indagine che faccia luce su eventuali violazioni delle regole europee sulla concorrenza nel caso Bekaert. Ad inviarla è stato oggi l'Eurodeputato Pd Nicola Danti insieme ai colleghi Massimo Paolucci e Simona Bonafè.

Nella lettera si chiede in particolare di chiarire se l’azienda belga abbia o meno utilizzato fondi europei o fondi di Stato della Romania per spostare la produzione dall’Italia in quel paese. L’iniziativa di oggi arriva dopo l’interrogazione già presentata la scorsa settimana alla Commissione europea sullo stesso argomento.

"Ci aspettiamo ora che la commissaria avvii al più presto l’indagine e ci aspettiamo che il ministro Di Maio solleciti la Commissione europea in questo senso, come aveva fatto il suo predecessore Calenda sulla vicenda Embraco. - ha deto Danti - Non ci fermeremo nella nostra battaglia fino a quando sarà completamente tutelata la dignità dei lavoratori coinvolti".

Sempre oggi il Consiglio regionale della Toscana, con in testa il Presidente Eugenio Giani, ha incontrato una delegazione dei lavoratori. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Conte firma il nuovo decreto: l'elenco delle attività aperte

  • Coronavirus: un morto l'ora in Toscana, tutti pazienti con più patologie 

  • Coronavirus: dipendente Esselunga risultato positivo al Covid-19

  • Coronavirus, emergenza studenti fuori sede: “In 10mila non riescono più a pagare l’affitto”

  • Coronavirus: il quartiere è deserto e una famiglia di anatre arriva fino alla farmacia

  • Coronavirus: la foto in fila al supermercato diventa un simbolo 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento