Batterio New Delhi: 90 persone hanno contratto l'infezione

Toscana, numeri in aumento: 36 morti sospette. Sperimentazione a Siena: c'è una molecola efficace

E' salito a 90 il il numero di persone che hanno contratto il batterio New Delhi, il virus resistente agli antibiotici che sta preoccupando la Toscana. Secondo l'aggiornamento dei dati diffusi dal monitoraggio dell'Agenzia regionale di sanità, i decessi sono circa il 40% del totale, pari a 36 casi con sepsi.

L'ultimo caso di decesso sospetto per il New Delhi riguarda un paziente di 66 anni all'ospedale "Versilia'" di Lido di Camaiore (Lucca), che nel giugno scorso aveva subito un intervento chirurgico all'ospedale di Livorno.

L'esperto: "Batterio resistente, ma no allarmismi"

Intnto, l'Università di Siena sta sperimentando una molecola antimicrobica, che sarebbe efficace contro il New Delhi. Il gruppo di ricerca coordinato dal professor Alessandro Pini, al dipartimento di Biotecnologie mediche, lavora da anni su una molecola antimicrobica che recentemente si è rivelata efficace contro il batterio, come descritto in un recente articolo pubblicato sull'International Journal of Antimicrobial Agents.

In collaborazione con il gruppo del professor Rossolini all'Università di Firenze, ha fatto sapere l'Ateneo senese, sono in programma prove di efficacia su ceppi di New Delhi isolati nella Regione Toscana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo scomparso: trovato morto, deceduto in incidente stradale

  • Sangue in Piazza Stazione: accoltellato con una mannaia 

  • La terza e ultima stagione de I Medici: tutte le informazioni

  • Meteo, arriva il primo freddo: le previsioni della settimana

  • Ragazzo scomparso a Firenze, l'appello della madre: “Aiutateci, siamo disperati”

  • Tramvia, destra e 5 Stelle attaccano: “No allo scempio, sì al modello cinese senza binari”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento