'Basta morti nel Mediterraneo': manifestazione in piazza Repubblica

Domani, giovedì 4 giugno, l'iniziativa promossa da Comunità delle Piagge, Comitato 1° Marzo, Fuori Binario e Rete Antirazzista: "Non rimaniamo indifferenti di fronte a 26mila morti nel nostro mare"

Si terrà in piazza della Repubblica domani, giovedì 4 giugno, dalle 17 alle 19, la manifestazione "Basta morti nel Mediterraneo!", promossa da Comunità delle Piagge, Comitato 1° Marzo, Fuori Binario e Rete Antirazzista e a cui hanno aderito altre trenta organizzazioni impegnate per la tutela dei diritti della persona.

Queste le richieste dei promotori alle istituzioni nazionali ed europee: apertura immediata di corridoi umanitari, abolizione dell' obbligo che impone ai migranti di presentare richiesta d’asilo nel primo paese di arrivo, senza consentire libertà di circolazione e di ricerca di lavoro in Europa, organizzazione di strutture di accoglienza a dimensione umana, contrasto agli atti di razzismo. "La Campagna - spiegano i promotori -, promuove iniziative per esercitare pressione su governi e istituzioni: servono provvedimenti concreti nei confronti di un fenomeno storico inarginabile, a cui occorre dare risposte vere, certe, umane".

Dalle 17 alle 18 ci saranno letture, testimonianze e musica con i Fratelli Rossi e Marco Chiavistrelli. Dalle 18 alle 19 è stata organizzata un'azione di denuncia per ricordare le 26mila vittime del Mediterraneo. "I partecipanti si sdraieranno in terrà durante la lettura dei morti degli ultimi 10 anni. La manifestazione è aperta a tutti, i partecipanti dovranno avere una maglietta bianca, sulla quale sarà appuntato il simbolo della Campagna: una mano nera per dire stop alla tragedia".

Al termine della lettura saranno tracciate sull’asfalto con gesso bianco le sagome di alcuni corpi che resteranno a memoria anche a manifestazione finita. Ci sarà anche un banco informativo per raccogliere adesioni ad iniziative future.

"Nel Mare Mediterraneo dal 1990 al 2015 le morti di migranti, in gran parte richiedenti asilo, rifugiati, profughi, sono state 25mila993, una cifra purtroppo approssimativa - si legge nel testo che ha lanciato la Campagna -. Una tragedia permanente, con sequenze di morti senza fine: uomini, donne, bambini, fuggono per l’insostenibilità di guerre, repressioni, devastazioni, sottrazione di risorse e sfruttamenti indiscriminati a opera delle multinazionali occidentali. Non possiamo rimanere indifferenti a questo massacro".

Potrebbe interessarti

  • Accadde oggi: il film Amici miei arriva al cinema

  • Spioncino digitale: ecco come funziona e perchè sceglierlo

  • "Non ci resta che piangere": 35 anni dopo il film in piazza del Carmine

  • I 7 momenti in cui lavarsi le mani in casa è fondamentale

I più letti della settimana

  • Comico toscano miracolato: cade un albero poco prima del suo passaggio

  • Meteo Firenze: allerta per pioggia e temporali

  • Tramvia: dagli scavi sui viali spunta la testa delle mura, è polemica

  • Terremoto a Firenze

  • Incidente in Viale Redi: precipita nel Mugnone / FOTO - VIDEO

  • Brutta avventura per una coppia fiorentina sulle Dolomiti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento