Barista serve detersivo a un cliente: carabinieri del Nas chiudono il locale

La decisione è stata presa dall'Asl

Chiuso dai carabinieri del Nas il bar di Barberino Val d'Elsa dove il 2 febbraio scorso è stato servito a un cliente detersivo per lavastoviglie invece di una cedrata.

Il provvedimento di sospensione immediata dell'attività è stato notificato al titolare per mancata applicazione del piano di autocontrollo Haccp.

La sospensione è stata richiesta dalla Asl, a seguito dell'ispezione igienico sanitaria scattata dopo l'episodio della somministrazione involontaria del detersivo.

L'attività resterà sospesa fino a che, spiegano i militari del Nas, non saranno rispettate alcune prescrizioni. Tra queste:

  • l'individuazione di modalità di deposito di prodotti per pulizia e disinfezione, in modo da impedire la contaminazione degli alimenti, anche in maniera accidentale;
  • la formazione del personale "sui pericoli connessi all'utilizzo e al deposito di detergenti e disinfettanti e sulle tecniche di prevenzione;
  • l'integrazione del piano di autocontrollo con analisi dei pericoli chimici e misure preventive da attuare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto Firenze: la terra trema in città

  • Terremoto: la terra trema nel Fiorentino

  • Terremoto: nuova scossa a Barberino

  • Maltempo: rischio nevicate in città

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Terremoto Firenze: danni in Mugello, oltre 200 cittadini fuori casa

Torna su
FirenzeToday è in caricamento