Banda di ladri dedita ai furti in appartamento: passepartout bulgari per entrare in casa

I carabinieri hanno tratto in arresto cinque persone a cui è stato contestato il reato di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti in abitazione

Stamani i carabinieri hanno arrestato cinque persone accusate di aver messo a segno numerosi furti in abitazione a Firenze e provincia, portando via orologi, monili in oro e apparecchi tecnologici. L'arresto è scattato in esecuzione della custodia cautelare in carcere disposta dal gip per il reato di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti in abitazione. 

La banda di ladri era composta da un 61enne di Ferrara residente a Firenze, due bulgari di 51 e 38 anni, un russo di 24 anni e un israeliano di 41. La mente della banda era il 38enne, il quale provvedeva ad individuare gli appartamenti da razziare, effettuava attivamente i furti e coordinava le attività degli altri componenti della banda, provvedendo al reperimento dei mezzi e degli strumenti necessari alla commissione dei reati.

Altri due soggetti, un italiano e una straniera, residenti nel pistoiese, erano invece deputati alla ricettazione della refurtiva, sono stati denunciati.

I carabinieri hanno già ascritto alla banda una serie di furti commessi in Firenze e provincia, nei mesi scorsi e per i quali ci sono elementi certi di colpevolezza, ma nei prossimi giorni si lavorerà per capire quali altri furti in abitazione possano  essere loro addebitati. Al momento alla banda vengono contestati otto furti in appartamento avvenuti a Firenze, ma gli inquirenti sospettano che il gruppo sia responsabile di almeno 50 colpi messi a segno negli ultimi tre mesi in tutta la provincia. I malviventi aprivano le porte senza lasciare segni di scasso, usando passepartout che si procuravano in Bulgaria.

 Intanto, le perquisizioni compiute nelle abitazioni dei ladri e, soprattutto, in quelle dei ricettatori, hanno permesso di rinvenire degli elementi che potranno essere utili a rinvenire eventuale refurtiva. Tutti gli arrestati sono stati condotti alla casa circondariale di Sollicciano, dove rimarranno a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • certo che fanno di tutto per farti rimpiangere la cortina di ferro, eh..

    • Avatar anonimo di ivan
      ivan

      nonostante ciò c'è gente che li difende e si fà paladino dei diritti loro.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Grassina: trovato in un bosco cadavere con la testa mozzata

  • Cronaca

    Stalking, perseguita ex badante: 57enne arrestato 2 volte in 4 giorni

  • Cronaca

    Stazione, 16enne pestato dal branco: perde 2 denti e traumi facciali

  • Cronaca

    Maltempo, allerta gialla per rischio forti temporali

I più letti della settimana

  • Paura a Novoli: spara 45 colpi di pistola in un'abitazione 

  • Il Pignone scricchiola: confermati i licenziamenti in Toscana

  • Movida, nuova tecnica per i furti in Santa Croce: la leccata in faccia

  • Sant'Ambrogio, scippo ai clienti del Caffè Cibreo 

  • "Auguri Totti": l'Enoteca Pinchiorri nell'occhio del ciclone

  • Grassina: trovato in un bosco cadavere con la testa mozzata

Torna su
FirenzeToday è in caricamento