"Bancarotta di tre cooperative": la procura chiede un altro processo per i genitori di Renzi

Tiziano Renzi e Laura Bovoli raggiunti da una nuova richiesta di rinvio a giudizio

Altri guai per i genitori di Matteo Renzi. La procura di Firenze ha chiesto un nuovo rinvio a giudizio per Tiziano Renzi e Laura Bovoli, nell'ambito dell'inchiesta sulla gestione e il fallimento di tre cooperative, dedite in particolare al volantinaggio e alla distribuzione di materiale pubblicitario.

Si tratta della Delivery, della Europe Service e della Marmodiv. Secondo l'accusa del sostituto Luca Turco, i genitori dell'ex premier, ritenuti amministratori di fatto delle società, ne avrebbero provocato dolosamente il fallimento dopo averne “svuotato le casse” e ricavato così, in maniera illecita, svariati milioni di euro.

Le accuse nei confronti di Tiziano Renzi e Laura Bovoli sono quelle di bancarotta fraudolenta e false fatturazioni. Ed è nell'ambito di questa inchiesta che, un anno fa, i coniugi Renzi finirono anche agli arresti domiciliari.

Insieme ai genitori dell'ex premier, la procura ha chiesto il processo anche per altri sedici imputati, tra cui l'imprenditore Mariano Massone e Roberto Bargilli, l'ex autista del camper di Matteo Renzi durante le primarie del 2012. L'udienza preliminare davanti al gip è fissata per il 9 giugno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, altro caso sospetto a Firenze: il secondo tampone è positivo

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Coronavirus: due i casi positivi in Toscana, dopo Firenze anche Pescia

  • Coronavirus: altri due contagiati a Firenze

  • Coronavirus, altri due casi in Toscana: un calciatore professionista e un birraio

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

Torna su
FirenzeToday è in caricamento