Papà Boschi si nasconde dalla tv, polizia e carabinieri per difenderlo

Una troupe di "Non è L'Arena" a Laterina per intervistarlo: lui scappa e non risponde

Vive barricato in casa da tre anni, nell'occhio del ciclone per il crac di Banca Etruria ma soprattutto in vista per il legame di parentela non certo banale con un Ministro, rappresentante del governo che aveva emesso il decreto salva-banche, in seguito al quale decine di migliaia di cittadini hanno visto azzerati i propri risparmi.

Sembra un incastro cervellotico e invece è il quadro intorno a Pier Luigi Boschi, padre del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex ministro per le riforme Maria Elena. Ieri per la prima volta, dopo la notizia di una nuova indagine a suo carico, una troupe televisiva è riuscito ad avvicinarlo per intervistarlo a Laterina, in provincia di Arezzo, dove vive da sempre. Una missione che non è però andata in porto: Boschi non ha detto una parola.

A tentare di intervistarlo è stato l'inviato della trasmissione La 7 Non è L'Arena di Massimo Giletti, che in mezzo a tante difficoltà è riuscito ad avvicinarcisi alle 7.30 di domenica mattina, sorprendendo Pier Luigi Boschi mentre si recava a gettare la spazzatura. Curiosa la reazione dell'ex vicepresidente di Banca Etruria, che si è coperto testa e volto con il cappuccio del giubbotto e non ha risposto alle domande, rincasando rapidamente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Daniele Bonistalli, giornalista pistoiese che lavora con Giletti già dai tempi di Raiuno, ha raccontato poi di aver trascorso il ponte dell'Immacolata a Laterina e rivelato che Boschi è uscito di casa solo in quel momento. Fa impressione che un ex dirigente di Banca Etruria, oltre che padre di un ministro, se ne stia asserragliato nella sua abitazione, probabilmente proprio per mettersi al riparo da situazioni sgradite. Perché Laterina, sempre come ha potuto documentare la troupe di "Non è L'Arena",  è piena di poliziotti, caraninieri e camionette appostate per garantirgli la sicurezza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Einaudi Institute: "La Toscana arriverà per ultima a quota zero contagi"

  • Fare la spesa in Toscana al tempo del Covid-19: ecco cosa cambia

  • Bambini mezz'ora a spasso, Prato contro Firenze: "Allucinante, vi siete accorti che c'è una pandemia?"

  • Coronavirus, emergenza studenti fuori sede: “In 10mila non riescono più a pagare l’affitto”

  • Coronavirus: fase acuta dell'emergenza, i casi nel Fiorentino 

  • Coop: chiusi la domenica tutti i punti vendita fino a metà aprile

Torna su
FirenzeToday è in caricamento