Adiconsum: "Non pagate l'aumento del deposito cauzionale a Publiacqua"

Dopo molte segnalazione l'associazione dei consumatori Adiconsum ha diffusa una nota per spiegare come difendersi dall'aumento del deposito cauzionale di Publiacqua ma allo stesso tempo non essere messi in mora

Adiconsum dichiara di assistere a molti richieste dei cittadini, sul da farsi rispetto al deposito cauzionale richiesto da Publiacqua:"A tale proposito riceviamo infatti tantissime telefonate da parte di utenti che, ritenendo ingiustificata la richiesta di Publiacqua, ci chiedono un parere e come procedere per non pagare l'aumento del nuovo importo del deposito cauzionale. Premesso che la vicenda è come minimo sconcertante, Adiconsum Toscana, tenuto conto delle affermazioni dell'Assemblea Consortile, considera indebita la richiesta di  Publiacqua e ritiene quindi ragionevole la scelta degli utenti preesistenti di non pagare l'aumento del deposito cauzionale.
Con tutto ciò, ritiene altresì importante rilevare l'opportunità di inviare una lettera a Publiacqua e all'Ato 3, per comunicare che, per non essere messi in mora, è stata comunque pagata la fattura, ma con un importo ridotto dell'aumento del deposito cauzionale, tenendo quindi conto dell'importo restituito del deposito cauzionale precedente".

A tale riguardo alleghiamo un fac-simile della lettera da inviare, da parte dell'intestatario del contatore/utenza Publiacqua, con modalità, a nostro avviso, di raccomandata con ricevuta di ritorno almeno per quanto riguarda la lettera indirizzata a Publiacqua.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fratelli morti in hotel, l'autopsia: arresto cardiorespiratorio da intossicazione di stupefacenti

  • Fatture false: condannati i genitori di Matteo Renzi / VIDEO

  • Sylvie Lubamba: “Sono in crisi, ho chiesto il reddito di cittadinanza" 

  • 'Miss Nonna Italiana 2019': premiata anche una fiorentina

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Parcheggi sulle strisce blu: “Dal 2020 gratis per i residenti in tutte le Zcs”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento