"Felice se sparano all'autista": la frase su Facebook finisce in tribunale

Esposto dei sindacati Ataf dopo l'episodio di domenica in via Baracca: "Basta violenza"

"Se avessero sparato all'autista sarei felice". Per questa frase, scritta come commento alla notizia dell'incidente avvenuto domenica scorsa in via Baracca, un utente di Facebook ha presentato un esposto alla Magistratura. A dare mandato in questo senso è stata la Rsu di Ataf gestioni che chiede ai giudici di valutare gli estremi per procedere in sede civile e penale.

Tutto nasce dalla notizia, circolata per qualche ora, di uno sparo ad un bus 35 con a bordo circa 20 persone, che sarebbe avvenuto nella tarda mattinata di domenica poi rivelatiso in realtà il lancio di una biglia di ferro. “Penso sia una bufala ma se avessero sparato all’autista sarei felice”, ha scritto una persona sul social. "Troppi sono stati gli eventi di violenza, fisica e verbale che gli autisti Ataf hanno dovuto subire in tempi recenti, spesso causati da motivazioni di cui i lavoratori non sono stati minimamente responsabili", spiegano i sindacati dell'azienda in una nota.

"Gli autisti subiscono la difficile situazione del traffico fiorentino e del servizio erogato esattamente come gli utenti ed i cittadini - si spiega - e non possono né devono essere lo sfogatoio di nessuno: da oggi in poi, pertanto, qualsiasi episodio di violenza anche verbale, o pubblicato su social network come Facebook, sarà denunciato alla magistratura. Tale decisione è presa a tutela della figura dell’autista, che, ricordiamo, prima ancora di essere un professionista responsabile della sicurezza dei passeggeri trasportati, è un lavoratore ed una persona, e come tale ha diritto di essere considerato e rispettato".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Firenze usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, altro caso sospetto a Firenze: il secondo tampone è positivo

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Coronavirus, altri due casi in Toscana: un calciatore professionista e un birraio

  • Coronavirus: due i casi positivi in Toscana, dopo Firenze anche Pescia

  • Coronavirus: altri due contagiati a Firenze

  • Coronavirus, Rossi: "No alla chiusura di scuole o stop ai concorsi"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento