Ataf: ancora un'aggressione a un autista

E' stato aggredito da una donna

Ancora un caso di aggressione a un autista Ataf. Ieri sera poco prima delle 18 una donna 34enne, di origini marocchine, ha suonato il campanello in ritardo per scendere sulla linea 29 diretta alla Stazione Leopolda . L'autista non ha potuto fermarsi, così come previsto dal codice stradale . Il fatto è avvenuto in via Pratese.

La donna è andata in escandescenza: ha preso a cazzotti la porta che separa l'autista dai clienti, poi ha scagliato lo zaino contro l’autista al volto e sono volati sputi all’autista dalla donna.

Poi un 25enne, cliente dell'autobus 29, è intervenuto mitigare la tensione ma anche lui è stato schiaffeggiato e ha ricevuto sputi dalla donna.

I passeggeri hanno chiamato il 113,  numerosi passeggeri impauriti sono scapati. 

E poi è arrivata l'ambulanza: per il 25enne sono state rilevate escoriazioni sul collo e per l'autista uno zigomo gonfio

La donna, già nota alle forze dell’ordine, è stata denunciata per interruzione di pubblico servizio, e potrebbe rischiare anche una denuncia per lesioni personali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Firenze usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mick Jagger si trasferisce a Firenze

  • Scappano dal ristorante al mare senza pagare: 5 giovani fiorentini rintracciati e riportati a saldare il conto

  • Scosse di terremoto nel Fiorentino

  • Natalie Portman, lettera d'amore a Firenze: "La magia delle celle dei frati affrescate a San Marco, il gelato e..."

  • Coronavirus: 7 nuovi casi e 4 decessi

  • Rissa all'Isolotto: resa dei conti in strada

Torna su
FirenzeToday è in caricamento