Asili nido, botta e risposta tra Comune e Cgil 

Aperto il bando per i contributi alle famiglie, per l’amministrazione sono 467 i piccoli in lista di attesa

Nei giorni scorsi è stato aperto il bando per l’assegnazione dei contributi economici da parte del Comune alle famiglie in lista di attesa che devono iscrivere i propri figli ai nidi d'infanzia privati accreditati. La Cgil ha fatto sapere che sono che sono ben 623 i piccoli interessati interessati ma la vicesindaca Giachi ieri ha risposto al sindacato dicendo che sono solo 467.  

Il buono servizio, le cui domande vanno presentate entro il 16 luglio, consentirà alle famiglie in lista di attesa, secondo l'ordine della graduatoria, di avere un contributo fino a 400 euro mensili, per pagare nei nidi privati accreditati la stessa retta prevista con il proprio ISEE nei nidi d'infanzia comunali.

“Si dimentica poi un'importante novità - ha aggiunto Giachi - che riguarda la possibilità, da parte delle famiglie, di poter iscrivere, con la nuova scadenza di settembre, anche i bambini nati entro il 31 agosto di quest'anno. Si tratta di una scelta che fa del Comune di Firenze una delle amministrazioni più all'avanguardia del nostro Paese: nella nostra città gli asili nido aprono le porte ai bambini di tre mesi d'età, altrove a quelli nati entro il 31 maggio 2017”.

Cgil e amministrazione comunale concordano però sui passi avanti fatti dalla Regione Toscana in materia: lo scorso anno le modalità di accesso ai contributi era più complicata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isolotto: il portellone si apre e la bara finisce in strada

  • Terremoto Firenze: la terra trema in città

  • Terremoto: la terra trema nel Fiorentino

  • Maltempo: rischio nevicate in città

  • Terremoto Firenze: danni in Mugello, oltre 200 cittadini fuori casa

  • Terremoto in Mugello, al lavoro per identificare la faglia: "Sciame sismico prosegue"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento