Arte: morto Galeazzo Auzzi, l'artista di Santo Spirito

Il ricordo del presidente del consiglio regionale Eugenio Giani: "Con le sue opere ha saputo dare lustro alla città, Firenze perde un artista e animatore culturale importante"

Galeazzo Auzzi foto da GoNews.it

"Con Galeazzo Auzzi se ne va un grande maestro fiorentino, nato nel quartiere di Santo Spirito e che con le sue opere ha saputo dare lustro alla città". Questo il ricordo del presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, appresa la notizia della morte dell’artista.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Penso al suo ultimo crocifisso per Papa Francesco, che lo stesso Pontefice ha benedetto durante la visita alla città dello scorso novembre, o quello d’argento realizzato per la parrocchia fiorentina di Santa Maria a Peretola. Famoso per i suoi ritratti a Papi, Santi e Beati, mi piace ricordare Auzzi come l’autore del monumento agli Angeli del fango in Piazza Poggi, opera che nel 1976 volle rendere omaggio all’operato dei tantissimi giovani accorsi da tutto il mondo a risollevare Firenze dal fango dell’alluvione del 4 novembre 1966, di cui quest’anno ricorrono i 50 anni. Firenze - conclude Giani -, con Auzzi perde un artista e animatore culturale importante”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mick Jagger si trasferisce a Firenze

  • Santa Maria Novella: ragazzina presa a schiaffi e rapinata alla fermata dalla tramvia

  • Natalie Portman, lettera d'amore a Firenze: "La magia delle celle dei frati affrescate a San Marco, il gelato e..."

  • Scosse di terremoto nel Fiorentino

  • Rissa all'Isolotto: resa dei conti in strada

  • Scappano dal ristorante al mare senza pagare: 5 giovani fiorentini rintracciati e riportati a saldare il conto

Torna su
FirenzeToday è in caricamento