Spacciatore motociclista in autostrada: chiuso casello per fermarlo

Operazione dei carabinieri

Immagine di repertorio

E' stato arrestato venerdì scorso un uomo per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti al casello autostradale di Incisa. E' quanto riportato da Arezzotoday.

Da tempo i carabinieri seguivano i suoi passi anche perché viaggiava con una moto di grossa cilindrata che non passava inosservata sulle strade cittadine.

Venerdì la svolta. I militari di Figline-Incisa con il supporto di quelli di San Giovanni Valdarno hanno organizzato una vera e propria trappola per fermare il malvivente.

I carabinieri hanno bloccato il traffico all’altezza di un incrocio in cui sono in corso dei lavori stradali, vicino al casello autostradale. I militari in borghese, appostati in macchine civetta confuse nel traffico, sono scesi dalle automobili e con rapidità sono riusciti a bloccare ed arrestare lo spacciatore.

L'uomo è stato trovato in possesso di diversi ovuli per un totale di undici grammi circa di cocaina dal valore approssimativo di 500 euro. E' stata poi perquisita l'abitazione dello spacciatore dove è stato trovato del bicarbonato con cui il malvivente, probabilmente, tagliava la droga e degli involucri in plastica con cui poi confezionava e rivendeva il prodotto finito.

L'arrestato è un italiano pluripregiudicato e disoccupato.

E' stata inoltre sequestrata la moto dello spacciatore perché non aveva rinnovato la patente, scaduta ormai da tre anni, ed il veicolo circolava senza assicurazione e senza aver fatto la revisione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi incidente a Ponte a Greve: traffico bloccato / FOTO

  • Tentati furti in casa: attenti alle fascette di plastica 

  • Giornata mondiale della pizza: ecco le pizzerie da provare a Firenze

  • Palazzo Vecchio: nuovi concorsi per posti di lavoro a tempo indeterminato in Comune

  • Mette in scena il suo funerale con tanto di carro d'epoca e corteo funebre

  • Incidente a Novoli: traffico bloccato / FOTO 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento