Minaccia e estorce migliaia di euro al titolare: arrestato

Hanno agito i carabinieri dopo una denuncia della vittima

Arrestato ieri a Pontassieve un 32enne per estorsione aggravata e continuata.

La vicenda, così come ricostruita dagl inquirenti, nasce dalla cessione di un’attività commerciale da parte dell’uomo (poi arrestato) ad un suo conoscente residente nell’Aretino. Il 32enne si è fatto assumere come dipendente nel negozio.  

Lavorando a stretto contatto giornaliero, il nuovo titolare è diventato subito bersaglio di continue richieste di denaro dietro minacce di possibili ritorsioni anche nei confronti dei suoi familiari.

In meno di un mese, l’estorsore è riuscito a farsi consegnare alcune migliaia di euro, praticamente quasi tutto l’incasso del negozio oltre ad altro denaro che la vittima era riuscita a racimolare da alcuni suoi parenti.

Le richieste di denaro così pressanti e continue hanno portato il commerciante a rivolgersi ai carabinieri.

I militari, dopo aver raccolto una dettagliata denuncia, hanno monitorato a distanza un’ulteriore consegna di denaro, un acconto di circa 500 euro a fronte di una richiesta complessiva di altri 2mila euro. Non appena il 32enne ha ricevuto il denaro, i carabinieri sono intervenuti, arrestandolo e recuperando le banconote appena consegnate.

La successiva perquisizione domiciliare ha poi consentito di rinvenire ulteriori elementi probatori, tra cui le ricevute di alcuni versamenti tramite Money Transfer a parenti dell’arrestato.

L'uomo, di nazionalità pakistana, ha anche dei precedenti per lesioni personali. Adesso si trova nel carcere di Sollicciano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo morto nella sua auto: è il genero di Roberto Cavalli

  • Tramvia sovraffollata, la Cgil: “Situazione insostenibile"

  • Via Palazzuolo: completamente nuda semina il panico in strada

  • Versilia: fiorentina muore durante una gita in montagna

  • Aeroporto di Peretola: nuovi voli da Firenze grazie a Vueling

  • Piero Pelù si è sposato con Gianna / FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento