Stazione Santa Maria Novella: dal giubbotto salta fuori un arsenale di armi

Fermato un giovanissimo

Intorno alle 7:30 del mattino di ieri, giovedì 10 gennaio, alla stazione Santa Maria Novella di Firenze la Polizia Ferroviaria ha denunciato un ragazzo di origine albanese di 19 anni sorpreso con addosso un manganello telescopico e un coltello 'Combat' della lunghezza totale di 18 centimetri.

Il giovane, già noto alle forze dell’ordine, stava viaggiando su un regionale proveniente da Arezzo quando improvvisamente gli è caduto a terra uno strano oggetto.

Gli altri passeggeri non ci hanno fatto troppo caso, ma un poliziotto libero dal servizio si è accorto che quella cosa, raccolta in fretta e furia, aveva le fattezze di una pistola semiautomatica.

L’agente ha chiamato rinforzi e appena la carrozza si è fermata in stazione il ragazzo è stato fermato e controllato dalla Polizia Ferroviaria.

Quella che apparentemente poteva sembrare un'arma si è rivelata invece essere una pistola ad aria compressa.

Ma dalle tasche del giubbino del 19enne è saltato fuori anche lo sfollagente telescopico - estensibile fino a 54 centimetri - e il coltello, entrambi strumenti per i quali la legge non consente mai il “porto”.

Giovanissimo minaccia 18enne: "Ho una pistola"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sicurezza: allerta terrorismo, luoghi di culto sorvegliati speciali

  • Cronaca

    Lorenzo Orsetti: la salma del giovane ucciso in Siria tornerà a Firenze

  • Cronaca

    Cinghiali in città: boom di catture ma stop alle battute di caccia

  • Cronaca

    Bistecca patrimonio dell'Unesco: patto Comune-Regione

I più letti della settimana

  • Festa del papà: perché in Toscana si dice “babbo”

  • Siria: ucciso dall'Isis giovane combattente fiorentino

  • Rissa fra genitori: partita sospesa, bambini in lacrime

  • Sciopero mondiale per il clima: tutto pronto a Firenze

  • Accoltella il compagno al cuore e poi dà la colpa a uno straniero

  • Ucciso dall'Isis, la lettera d'addio di Lorenzo: “Sono morto facendo quello che ritenevo giusto”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento