Incidente in montagna: 28enne toscano muore sul Cervino

A dare l'allarme il compagno di cordata 

Matteo Pes (fonte Facebook)

Nella tarda mattinata di ieri un 28enne aretino, Matteo Pes, è precipitato per alcune centinaia di metri mentre stava facendo il passaggio del ''Enjambee'', a 3.700 metri di quota, a valle della Capanna Carrel sul Monte Cervino. Il corpo del giovane è stato recuperato in un canalone lungo il versante svizzero. A dare l’allarme il compagno di cordata riuscito a raggiungere la Capanna Carrel. I soccoritori non hanno potuto far altro che constatare il decesso.

Il 28enne, amante delle escursioni, era iscritto alla facoltà di Storia di Firenze e lavorava in un bed and breakfast del centro di Arezzo. Si trovava sulle Alpi in vacanza. I due amici, entrambi scalatori esperti, erano partiti all'alba dal rifugio, a una quota di circa 2800 metri, diretti alla vetta. 

I compagni di squadra della polisportiva San Marco La Sella lo hanno ricordato con un messaggio su Facebook: "Ciao Matteo. Ti ricorderemo per sempre per la tua voglia di lottare, per la tua voglia di vincere, per il tuo spirito di appartenenza, per il tuo sorriso".  Pes era impegnato in politica come militante di Casapound. "Riposa in pace, fratello nostro", ha scritto su Facebook il leader del movimento Gianluca Iannone.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sicurezza: allerta terrorismo, luoghi di culto sorvegliati speciali

  • Cronaca

    Lorenzo Orsetti: la salma del giovane ucciso in Siria tornerà a Firenze

  • Cronaca

    Cinghiali in città: boom di catture ma stop alle battute di caccia

  • Cronaca

    Bistecca patrimonio dell'Unesco: patto Comune-Regione

I più letti della settimana

  • Festa del papà: perché in Toscana si dice “babbo”

  • Siria: ucciso dall'Isis giovane combattente fiorentino

  • Rissa fra genitori: partita sospesa, bambini in lacrime

  • Sciopero mondiale per il clima: tutto pronto a Firenze

  • Accoltella il compagno al cuore e poi dà la colpa a uno straniero

  • Ucciso dall'Isis, la lettera d'addio di Lorenzo: “Sono morto facendo quello che ritenevo giusto”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento