Ambiente: inquinati 9 punti su 20 del mare toscano

E' quanto denunciato da Legambiente nell'ambito di Goletta Verde 2018

I controlli a Marina di Sivoli a Piombino

"Su venti punti monitorati, nove sono risultati con cariche batteriche molto elevate, quattro con cariche batteriche elevate. E sono in particolare i fiumi a continuare a riversare in mare scarichi non depurati, che rischiano di compromettere la qualità del mare e di quei tratti di costa, con gravi conseguenze non soltanto per l’ecosistema marino ma anche per la stessa salute dei bagnanti". È questo il bilancio del lavoro svolto lungo le coste toscane dall'équipe tecnica di Goletta Verde, la storica campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio e all'informazione sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane.

“La salute dei nostri mari è sempre più a rischio a causa della maladepurazione, dei rifiuti galleggianti e spiaggiati, e delle continue illegalità ambientali, che seguitano a sfregiare coste e territori italiani – ha commentato Davide Sabbadin, portavoce di Goletta Verde – purtroppo anche in Toscana i risultati deludenti in prossimità di numerosi foci e canali di questa regione non ci sorprendono, dal momento che il problema riguarda non solo le aree costiere ma interessa gran parte del territorio nazionale”.

Nella classifica delle illegalità compiute nel 2017 ai danni del mare, contenuta nel dossier Mare Monstrum, basato sul lavoro delle Forze dell'ordine e delle Capitanerie di Porto, e presentato la scorsa settimana da Legambiente, la Toscana occupa il settimo posto (su quindici regioni) con 1297 infrazioni accertate (il 7,6% del totale nel Paese), 1717 persone arrestate o denunciate e 291 sequestri effettuati: “La Toscana ha 2,2 infrazioni per ogni chilometro di costa – aggiunge Sabbadin – con numeri maggiori nell'ambito delle illegalità nel ciclo dei rifiuti e del cemento, e nei reati legati al codice della navigazione. Noi non vogliamo solo informare e sensibilizzare i cittadini, ma negli ultimi due anni abbiamo anche presentato alle autorità preposte esposti sui punti più critici individuati, nella speranza che si intervenga per accertare le responsabilità, sanando le situazioni più delicate”.

La Goletta Verde quest'anno affiancherà alla denuncia pubblica sullo stato delle acque anche un'azione giuridica, presentando – nel caso della Toscana – due esposti sulle situazioni più critiche: uno nei riguardi della foce del Fosso di Mola / Fosso Centrale, in località Mola, tra i Comuni di Capoliveri e Porto Azzurro, all'Isola d'Elba (Li);Capoliveri_foce fosso di mola - fossone centrale (10)-2 

L'altro riguarderà, come l’anno scorso, la foce del torrente Carrione, a Marina di Carrara (Ms), da dieci anni a questa parte il sito più inquinato della costa toscana.

Carrara_Foce del  fiume Carrione (6)-2

Il monitoraggio di Goletta Verde è stato eseguito dalla squadra di tecnici di Legambiente dal 13 al 19 giugno scorsi

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Via de'Pucci: chiuso lo Shot Cafè

  • Crac Costruzioni Margheri: sette condanne per bancarotta

  • Vinci: ragazza di 19 anni muore in discoteca / FOTO

  • Fiorentina: il nuovo stadio a Campi Bisenzio incompatibile con l'aeroporto

  • San Jacopino: allarme bomba / FOTO

  • Manifestazione per i curdi: scontri con la polizia alla stazione / VIDEO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento