Empoli, vende superalcolici a minorenni: ragazzina resta incosciente 

Il 'kebabbaro' era noto come tra i giovanissimi come luogo dove fare 'rifornimento', il titolare è stato denunciato

Il titolare di un 'Kebab' di Empoli situato vicino alla stazione ferroviaria è stato denunciato per avere più volte venduto superalcolici a minorenni.

La polizia ha riscontrato diversi episodi. In particolare, riferiscono fonti di polizia, un recente controllo è scattato dopo che il 20 ottobre scorso una ragazzina di 15 anni è stata ricoverata in stato di incoscienza per 'intossicazione da alcol' al pronto soccorso dell'ospedale empolese San Giuseppe.

La ragazzina era insieme ad un'amica ed entrambe hanno detto di avere comprato una bottiglia di vodka presso quel 'Kebab'.

Sono quindi scattati controlli ad hoc e il 31 ottobre la polizia ha sorpreso un dipendente della stessa attività commerciale vendere alcolici, vodka e birra, a due minori di 15 e 16 anni.

I ragazzi, come già le coetanee nel caso precedente, hanno detto che il posto era usato solitamente dai giovanissimi per fare 'rifornimento' di alcolici.

Il titolare dell'attività, di origine indiana, è stato denunciato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: dalla Cina stanno rientrando a Prato e Firenze 2.500 persone

  • Via Baracca: vinti 500mila euro con un "Gratta e Vinci"

  • Folle inseguimento, paura sui viali: 14enne semina il panico

  • Campi Bisenzio, rivende merce rubata ai Gigli davanti ai Gigli: denunciata

  • Marradi: soppresso da Papa Francesco il monastero domenicano. Le tre suore saranno trasferite

  • Frecciarossa deragliato a Lodi: prodotto a Firenze il pezzo difettoso del cambio all'origine della tragedia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento