Alberi in viale Galileo: ancora abbattimenti, ma presto nuove piante

Continuano i lavori di riqualificazione della zona

Immagine di repertorio

Prosegue la riqualificazione dell’alberata stradale di Viale Galileo, attraverso la potatura delle piante e la ricostituzione dell’integrità dei filari con 64 nuovi lecci. Si legge in una nota di Palazzo Vecchio.

Giovedì invece ci sarà la sostituzione di 19 lecci pericolosi (a fronte dei 42 inizialmente previsti) con piante della stessa specie.

Successivamente i filari saranno completati da un reimpianto delle siepi di leccio sottostanti le alberature e l'applicazione di protezioni in metallo a basso impatto visivo per le singole piante nuove, a scopo di protezione da urti automobilistici come purtroppo avvenuto in passato.

“Come programmato - ha spiegato l’assessore all’ambiente Alessia Bettini - stiamo procedendo con le sostituzioni delle piante a rischio, cercando di ridurre al minimo gli abbattimenti e confermando oltre il doppio di nuove alberature, così da mantenere il più possibile intatta l’identità del viale”.

Continuano intanto gli altri lavori previsti: la rifinitura del ripristino vegetale delle scarpate del viale dei colli che migliorerà il decoro e la fruibilità della vista su Firenze, rispondendo alle aspettative progettuali con l'eliminazione delle piante infestanti ed invasive; e il ripristino delle pavimentazioni in ghiaia che, dopo aver già concluso quelle nel giardino del Bobolino, proseguiranno nel viale Galilei, in via delle Porte Sante e nel parterre di viale Michelangelo.

Tutti gli alberi abbattuti dall'amministrazione Nardella

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo morto nella sua auto: è il genero di Roberto Cavalli

  • Tramvia sovraffollata, la Cgil: “Situazione insostenibile"

  • Via Palazzuolo: completamente nuda semina il panico in strada

  • Versilia: fiorentina muore durante una gita in montagna

  • Aeroporto di Peretola: nuovi voli da Firenze grazie a Vueling

  • Piero Pelù si è sposato con Gianna / FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento