Aggressioni alla polizia alla stazione, i sindacati: "Dateci i taser" 

A Palazzo Vecchio botta e risposta tra Lega e Pd

Turbolenze nel mondo politico cittadino dopo che mercoledì quattro agenti di polizia sono rimasti feriti in due interventi nella zona della stazione. Critiche che fioccano dopo un caso di violenza, tutt'altro che isolato, che va a sommarsi ad un contesto di spaccio e episodi al limite - comportando nelle scorse settimane addirittura la temporanea chiusura dell'attività McDonald's -  che le forze dell'ordine stanno cercando di arginare ormai da tempo. 

Ieri, subito dopo la diffusione della notizia, la politica di Palazzo Vecchio si è espressa sul tema con il capogruppo Bussolin che ha parlato di "allarme sicurezza". All'esponente del Carroccio ha replicato il capogruppo Pd Armentano: “Alla Lega diciamo fermamente che non ci stiamo a speculare su questo tipo di episodi. L’amministrazione è consapevole che ci sono zone della città più delicate, da monitorare con attenzione, come quella di Santa Maria Novella, non ci manca il coraggio per affrontare queste situazioni, in sinergia con le forze dell’ordine, la disponibilità al confronto con i cittadini e la visione giusta per risolvere questo tipo di problematiche. Non ci stiamo invece a cavalcare la preoccupazione delle persone, creando allarmismo pericoloso, per poi lanciare proposte che non hanno fondamento e logica – come armare i vigili di fucili, senza conoscere quali sono le armi consentite per il corpo di polizia municipale. Continueremo, questo sì, come abbiamo fatto in precedenza, a chiedere più agenti per la sicurezza della città. Ci interessano risultati concreti e non proposte ‘choc’ che finiscono solo per alimentare le paure delle persone”.


La richiesta dei taser

Più diretta la richiesta dei sindacati di polizia che chiedono di dotare gli agenti di taser, strumento che a Firenze è affidato - per il momento - solo ai carabinieri. "Sentiamo inutili elogi e compiacimento per la nostra azione - dice Valter Mazzetti, segretario generale dell’Fsp Polizia di Stato - ma ancora aspettiamo persino un banalissimo taser e non abbiamo protocolli operativi adatti alle reali esigenze di sicurezza". Gli fa eco Massimo Bartoccini del Sap: "Si tratta dell'ennesima aggressione agli Agenti della Polizia di Stato durante un controllo ad un giovane cittadino senegalese in zona Stazione FS Santa Maria Novella, vogliamo più protezione, leggi più severe e strumenti più adatti alla difesa come il taser”.  

Una settimana fa: coltellate in Piazza Stazione 
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto: nuova scossa a Barberino

  • Maltempo: rischio nevicate in città

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • San Godenzo: arrestato mentre attende il figlio all'uscita di scuola

  • Terremoto Firenze: danni in Mugello, oltre 200 cittadini fuori casa

  • Terremoto in Mugello, al lavoro per identificare la faglia: "Sciame sismico prosegue"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento