Aeroporto di Peretola, il ministro Toninelli: "Niente soldi pubblici per l'ampliamento"

Dura risposta del sindaco Nardella e dei politici toscani di centro-destra

E' ancora un dilemma se l'ampliamento dell'aeroporto di Peretola si farà o no. Dopo il nulla di fatto della conferenza dei servizi della scorsa settimana, ieri c'è stato un botta e risposta a distanza tra il ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli e il sindaco di Firenze Dario Nardella.

Il ministro in un video su Facebook ha elencato le opere che il Governo si impegnerà a realizzare e ha toccato anche il tema dello scalo toscano. "È un aeroporto profittevole, perché dovremmo metterci 150 milioni di soldi pubblici?", ha sottolineato Toninelli, indicando che dovrà essere il concessionario ad effettuare gli investimenti nell' aeroporto.

La risposta di Nardella non si è fatta attendere: "Quelle di Toninelli sono dichiarazioni faziose, arroganti e intimidatorie. Ricordo a Toninelli che da ministro dovrebbe lavorare per lo sviluppo delle infrastrutture e il bene comune e non usare il proprio potere per fare campagna elettorale contro una comunità bloccando le opere pubbliche e attaccando singole persone".

Il sindaco di Firenze continua:  "Inoltre, è in fase finale una procedura amministrativa per la definitiva autorizzazione della realizzazione della nuova pista dell'aeroporto rispetto alla quale ogni ingerenza impropria può essere un abuso grave e inaccettabile. Le parole di Toninelli disprezzano diritti e aspettative di migliaia di lavoratori e cittadini. Firenze non si piegherà a questo ennesimo attacco politico da parte del governo che non ha più argomenti per fermare un'opera attesa da anni".

Anche il centro-destra ha risposto al ministro Toninelli. "L'atteggiamento del ministro dei trasporti Danilo Toninelli è assurdo e fuori dalla realtà. Non può dire che i privati devono trovare 150 milioni di euro per l'aeroporto di Firenze, quando gli accordi pregressi prevedono che questo finanziamento sia a carico dello Stato. Così come assurde sono le motivazioni avanzate dal ministro grillino". Ha affermato il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana e consigliere di Forza Italia Marco Stella
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Utilizzare soldi pubblici per costruire una nuova pista contro ogni regola sia di inquinamento ambientale e acustico devastando un territorio già saturo e con innumerevoli problematiche creando uno scalo “doppione di Pisa” posso soltanto dire che queste situazioni ci sono soltanto in Italia.Non aggiungo altro"..........

  • Certo che l'Italia è proprio un Bel Paese, Lo stato ci mette i soldi e gli utili (dividendi) li intasca il privato, per chi puo è proprio una bella vigna.

    • Ma sai che sono d'accordo con te e che la posizione sollevata da Toninelli on mi pare campata in aria? Certo, di un aeroporto ampliato e più capace si avvantaggerebbero anche i cittadini privati (incluso il sottoscritto), ma in une realtà dove gli imprenditori e i commercianti la fanno da padroni, sia per indirizzare gli investimenti che per spartirsi i ritorni, direi che è uno sfruttamento della res pubblica i ricorrere esclusivamente ai soldi pubblici.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Pasqua 2019, lo Scoppio del Carro: volo perfetto della colombina / FOTO - VIDEO

  • Cronaca

    Calcio storico: il sorteggio e le partite del 2019

  • Elezioni comunali 2019

    Elezioni Firenze 2019: spunta un nuovo candidato sindaco

  • Cronaca

    Grassina, aggredisce e picchia i genitori: arrestato

I più letti della settimana

  • Meningite: morta ragazza di 21 anni

  • Renzi furioso querela tutti: da Piero Pelù a Marco Travaglio

  • Scossa di terremoto in Mugello

  • Baita abusiva in un bosco: sanzioni per migliaia di euro

  • Truffa dello specchietto: si rifiuta di dare soldi e viene accoltellato

  • Bagno a Ripoli: donna trovata morta in casa

Torna su
FirenzeToday è in caricamento