Lavatrice, i consigli per pulirla e disinfettarla

Come combattere la muffa e i cattivi odori

I principali nemici delle lavatrici sono il calcare e la muffa quest'ultima si annida nelle guarnizioni o nel cassetto dei saponi. Calcare e muffa sono causa di cattivo odore e possibili macchie e aloni sui panni.

Ecco alcuni consigli per pulire al meglio. Ma prima di tutto togliere la presa dalla corrente.

Pulire l'esterno

Con un panno morbido pulire la superficie esterna con acqua e aceto (3 parti di acqua per 1 di aceto bianco) oppure con uno sgrassatore.

La vaschetta dei detersivi

Se non è possibile smontare la vaschetta è consigliabile lavarla con un panno acqua calda e uno spray sgrassante, in caso di muffa aiutarsi con uno spazzolino vecchio, acqua calda e candeggina. Per quelle che invece possono essere smontate lasciarle in ammollo in acqua calda e candeggina per almeno 30 minuti e poi risciacquae, magari aiutandosi con uno spazzolino.

Cestello e guarnizioni

Con un panno morbido, quello usato per pulire la parte esterna sarà perfetto, lavare oblò e interno con acqua e bicarbonato oppure acqua e aceto. Stesso procedimento anche con il cestello. Per le guarnizioni prestare maggiore attenzione, in quanto potrebbero nascondere della muffa, è consigliabile utilizzare acqua e candeggina e poi riscquare abbondantemente.

Ultimo passaggio un lavaggio a 90 gradi aggiungengo mezzo bicchiere di candeggina direttamente nel cestello  così da eliminare gli ultimi batteri e residui.

Questi passaggi andrebbero ripetuti ogni sei mesi, ogni tre invece sarebbe bene pulire il filtro: smontarlo, sciacquarlo ed eventualmente pulirlo con spazzolino e sgrassatore.

Consigli

Per combattere la muffa si consiglia di lasciare l'oblò aperto dopo ogni lavaggio così da far arieggiare il cestello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per problemi evidenti di calcare o incrostazioni è consigliabile rivolgersi ad un esperto, tra i tecnici abilitati in base a marca e modello dell'elettrodomestico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus ristrutturazione al 110%: quali lavori a costo zero, come funziona la detrazione dell'ecobonus

  • Estate: ecco come pulire i condizionatori

  • Come affittare una casa vacanza, le regole

  • Giardino intelligente: irrigazione e illuminazione domotica

  • Idrocoltura: cos'è e come funziona

Torna su
FirenzeToday è in caricamento