Lotta alla Processionaria a Lastra a Signa

La Processionaria del pino è una farfalla le cui larve si sviluppano sulle conifere, in particolare su pini e cedri

Il Comune di Lastra a Signa mette in atto una campagna di prevenzione alla diffusione della Processionaria, l’insetto che si sviluppa sulle conifere e che, soprattutto in primavera, può danneggiare piante e causare gravi danni alla salute di animali e persone.

Il progetto elaborato dall’amministrazione comunale di Lastra a Signa prevede azioni di monitoraggio delle aree verdi per rilevare l'eventuale presenza di nidi e, se necessario, la rimozione degli stessi, avvalendosi di personale specializzato di ALIA Servizi Ambientali Spa e prevedendo, laddove non è possibile effettuare i tagli dei rami infestati dai nidi, l’installazione di apposite trappole che interrompono la discesa al suolo delle larve stesse. Oltre a questo nei prossimi giorni saranno affissi all’interno delle aree verdi attrezzate alcuni cartelli informativi per sensibilizzare sulla problematica e con indicati i comportamenti e le norme da seguire in presenza di larve e nidi.

Gli interventi saranno effettuati nelle zone di competenza comunale, per le altre aree si fa appello anche alla sensibilità dei cittadini a rilevare e segnalare all’Ufficio ambiente (0558743250-ambiente@comune.lastra-a-signa.fi.it) la presenza della processionaria nelle proprie aree private, supportando con accorgimenti e azioni preventive gli interventi che l’amministrazione comunale esegue periodicamente in aree verdi pubbliche.

“E’ il mese di marzo – ha spiegato l’assessore all’ambiente Annamaria Di Giovanni- quello in cui è necessario attivarsi per contenere gli effetti della processionaria nelle persone, soprattutto bambini, e sulle piante. Attraverso le azioni promosse dall’amministrazione comunale si andrà a sensibilizzare i cittadini e, insieme ad Alia a rimuovere, ove possibile, i nidi. Ringrazio l’ufficio ambiente per l’attenzione che ha da subito posto per prevenire gli effetti del diffondersi della processionaria”.

Ricordiamo che la Processionaria del pino è una farfalla le cui larve si sviluppano sulle conifere, in particolare su pini e cedri. Le larve della Processionaria sono dannose per le piante e pericolose per gli uomini, i loro peli urticanti possono causare reazioni epidermiche e, in casi peggiori, anche allergiche. In autunno-inverno, le larve sono posizionate con i loro nidi sugli alberi e questo è il momento più opportuno per effettuare interventi di bonifica e difesa: l'asportazione e la bruciatura dei nidi, il trattamento eventuale delle piante a base di Bacillus thuringienis varietà kurstaki.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con l'arrivo della primavera le larve, muovendosi in lunghe file, raggiungono il terreno per trasformarsi in crisalidi. Si raccomanda molta attenzione quando si avvistano queste lunghe processioni sui tronchi e sul terreno: è pericoloso cercare di raccogliere o uccidere le larve con mezzi non idonei. In estate i nidi rimangono vuoti, ma è ugualmente pericoloso rimuoverli per la presenza all'interno di peli urticanti. La Processionaria, con la fine dell'estate, ricomincia il suo ciclo vitale: dalle crisalidi fuoriescono le farfalle che depongono le uova che, a loro volta, daranno vita a nuove larve.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Condizionatori e Coronavirus: come usarli in sicurezza secondo l'Iss

  • Decreto Rilancio: detrazioni fiscali per ristrutturazioni e riqualificazione energetica degli edifici

  • Come cercare perdite d'acqua senza demolire

  • Zanzariere: i costi e le caratteristiche dei modelli da installare in casa

  • Formiche in casa, ecco i rimedi naturali

  • Estate: ecco come pulire i condizionatori

Torna su
FirenzeToday è in caricamento