Ristrutturare il bagno: tutto quello che c’è da sapere

Il bagno è tra gli ambienti della casa più utilizzato per questo motivo ha bisogno di manutenzione costante e in alcuni casi di un rifacimento totale. Se l’impresa vi sembra impossibile con i giusti consigli e idee potrete ristrutturare il bagno in poco tempo e con costi contenuti sfruttando le agevolazioni fiscali

Colorato, monocolore, con la vasca idromassaggio o con la doccia a cascata, negli ultimi anni il bagno di casa si sta trasformando sempre di più in una mini spa dotata di molti comfort.

Se prima era considerato solo una stanza di passaggio, adesso il bagno, per molti, è lo spazio adibito alla cura del corpo, in cui rilassarsi e improfumarsi. Per questo motivo è importante averne cura e non rimandare la manutenzione perchè con il passare degli anni anche l’ambiente realizzato con i migliori materiali se non sottoposto a manutenzione costante può rivelare i primi segni di cedimento.

Il timore per le tempistiche lunghe e l’investimento di denaro eccessivo ci spinge a conservare un bagno che non ci piace e poco funzionale. Per avere la stanza dei nostri sogni non sono necessari lavori interminabili e somme di denaro eccessive. Basta avere le idee chiare sullo stile che vogliamo, scegliere i materiali e la ditta giusta, usufruire delle esenzioni fiscali e in pochi giorni avremo il bagno che abbiamo sempre desiderato.

Tempistiche ristrutturazione bagno

Quando pensiamo di ristrutturare il bagno la cosa che ci spaventa di più è la convinzione che ci vorranno settimane prima di vedere i lavori conclusi. Se ci affidiamo ad una ditta seria e se ordiniamo i materiali in anticipo di sicuro i tempi si dimezzeranno.

In generale stabilire l’esatta durata della ristrutturazione non è semplice, molto dipende dalla grandezza del bagno e dai lavori che vogliamo eseguire. In generale il rifacimento totale di un bagno di piccole dimensioni non va oltre una settimana, per quelli più grandi i tempi si dilatano fino ad un paio di settimane.

Costi ristrutturazione bagno

Come per le tempistiche, anche i costi sono variabili e non può essere fatta una stima universale. A far lievitare il prezzo influiscono molti fattori. Le dimensioni, le finiture e i sanitari hanno senza dubbio un ruolo centrale. Più il bagno è grande più i costi aumentano, lo stesso discorso vale se preferiamo finiture ricercate o sanitari su misura.

Se vogliamo realizzare un restyling totale, cambiando piastrelle e pavimenti, il costo finale sarà più alto rispetto al semplice rinnovo degli accessori. Se decidiamo di ristrutturare il bagno rifacendo tubature e impianti, ma preferiamo conservare gli arredi, il prezzo si riduce sensibilmente.

Un altro fattore da non sottovalutare è l’accessibilità. Se l’appartamento si trova al piano terra con affaccio sul cortile gli interventi sono più facili, se invece si trova nei piani alti in un palazzo senza ascensore trasportare il materiale diventa più difficile, quindi il preventivo della ditta potrebbe aumentare.

In linea generale il costo del rifacimento completo di un bagno si aggira tra i 3000 e i 7000 euro, ma è possibile risparmiare riutilizzando i vecchi arredi e scegliendo finiture belle ma economiche.

Detrazioni fiscali 2019 per ristrutturare il bagno

Se abbiamo ancora qualche dubbio se ristrutturare o meno il bagno, un piccolo incentivo ci può venire dalla possibilità di usufruire delle detrazioni fiscali. Fino al 31 dicembre 2019 potete usufruire di agevolazioni per la ristrutturazione del bagno fino al 50% di quanto è stato speso e che può essere recuperato in 10 anni come Irpef. La spesa massima è pari a 96.000€. Per usufruire degli incentivi deve essere una manutenzione straordinaria.

Sempre fino al 31 dicembre 2019 si può ottenere il bonus mobili durante la ristrutturazione del bagno: questa agevolazione è pari al 50% di quanto speso per i mobili. La detrazione vale sempre e solo nel momento in cui si realizza la manutenzione straordinaria.

Idee e spunti per rinnovare il bagno

Nel momento in cui decidiamo di ristrutturare il bagno e non pentirci delle scelte fatte a lavori conclusi è bene valutare alcune caratteristiche che possono potenziare alcuni aspetti della stanza o aumentarne le dimensioni se si tratta di un ambiente piccolo. Vediamo qualche idea.

L’importanza della luce. Avere una casa luminosa è importante per vivere al meglio ogni ambiente, il bagno non fa eccezione. Una stanza ben illuminata permette di mettere in evidenza punti particolari, ma soprattutto consente di far apparire l’ambiente più grande di quello che è. Per questo i rivestimenti devono essere chiari, si va dal bianco al crema. Se amiamo i colori pastello, di tendenza in questo periodo, invece di cambiare le mattonelle possiamo decidere di verniciarle. In questo modo avremo un duplice vantaggio, non solo risparmieremo sui costi, ma nel caso in cui le tinte trendy dovessero cambiare basterà una semplice pennellata e il bagno sarà come nuovo.

Scegliere la giusta illuminazione. Questa è molto importante all’interno del bagno per avere un ambiente ben illuminato ma nello stesso tempo rilassante. É bene scegliere un lampadario centrale che richiami lo stile del bagno, da quello minimal per un ambiente moderno a quello più caratteristico per un bagno in stile provenzale. Se abbiamo bisogno di un pò di luce in più per truccarci o quando ci facciamo la barba, allora bisogna puntare tutto sui faretti dello specchio.

Il pavimento. Se particolarmente rovinato è arrivato il momento di rinnovarlo. Come per le piastrelle bisogna scegliere tinte non troppo scure. Inoltre deve essere facile da pulire, resistente e antiscivolo soprattutto se in casa ci sono bambini e anziani. Una soluzione semplice ed economica è scegliere pavimenti in resina o in microcemento, facili da applicare possono essere personalizzati e resistono nel tempo.

Rinnovare i sanitari e i rubinetti. I sanitari nuovi di sicuro regalano un aspetto del tutto diverso al bagno. Dai classici a quelli più moderni, fino ai modelli sospesi la scelta è ampia, non dobbiamo fare altro che abbandonarci ai nostri gusti. Se abbiamo un bagno piccolo un’idea potrebbe essere quella di sostituire la vasca con la doccia. Per avere un effetto Spa, potete decidere di installare un soffione dell’effetto cromoterapia in grado di regalarvi il giusto relax anche in doccia. Se non volete realizzare interventi impegnativi, potete decidere di cambiare solo i rubinetti. Retrò sono perfetti per chi ama lo stile vintage, squadrati sono la scelta irresistibile per chi preferisce o stile moderno.

Rinnovare gli arredi e gli accessori. Per un bagno in ordine in cui l’effetto confusione è bandito, dobbiamo scegliere arredi pratici e funzionali. Per avere tutto ciò che ci serve e ottenere una stanza non soffocata dagli oggetti dobbiamo puntare su un mobile lavabo in linea con lo stile del bagno, capiente e profondo. Se abbiamo bisogno di altri ripiani possiamo optare per mensole o pensili dai colori chiari. Lo specchio è il punto focale della stanza, in grado di dare profondità e luce all’ambiente. Dal modello con cornice per uno stile retrò a quello essenziale per uno arredo minimal, l’importante è che sia grande e ben illuminato. Per gli amanti della natura che non rinunciano a un tocco green anche in bagno, le piante sono la scelta indispensabile, colorate, piene di fiori o sempreverdi, sono i dettagli indispensabili per dare un tocco in più alla stanza.

I prodotti online per arredare il bagno

Mobile lavabo

Colonna doccia

Box Doccia

Mobiletto da bagno

A chi rivolgersi a Firenze

Spazio360 Firenze in via Simone Martini, 7; telefono 055732731

Berni Store in via del Sansovino 177 - 181, telefono 055 04804

Magazzino della piastrella e del bagno ha due sedi: in via Maragliano 29, telefono 0553215549; 0553245729 e in via Rocca Tedalda 381; telefono 0556505131. BagnoMarket in via G. Orsini, 66/68 https://www.bagnomarketfirenze.it/

Giulio Tanini in via Maragliano, 155, telefono 055 331700, email info@giuliotanini.com

AltroBagno in viale Michelangiolo 5 F telefono 055-0982101.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Furti in casa: tornano i contributi per l’installazione degli allarmi

Torna su
FirenzeToday è in caricamento