Mascherine lavabili e glamour per sostenere gli Amici del Pronto Soccorso di Careggi

arte del ricavato sarà destinata agli “Amici del Pronto Soccorso” di Careggi

Le mascherine possono essere un accessorio modaiolo? Sì, a dare un tocco glamour ai dispositivi di protezione individuale ci ha pensato l'artista toscana Elisabetta Rogai – celebre per aver ideato la tecnica dell'Enoarte, ossia la pittura con il vino – che insieme all'azienda Agile di Pelago ha lanciato una collezione limited edition di mascherine le cui stampe riprendono i particolari dei più conosciuti dipinti della pittrice.

Le mascherine sono formate da tre strati di tessuto idrorepellente e lavabile - quindi riutilizzabili più volte - e consentiranno di affrontare i mesi che verranno con un tocco di eleganza. Una parte del ricavato della vendita sarà destinata alle attività degli “Amici del Pronto Soccorso onlus” dell'ospedale di Careggi.

Le mascherine per la fondazione Tomassino Bacciotti

“Anche in un momento così delicato – spiega la pittrice che qualche anno fa ha anche realizzato il Palio di Siena con vino e colori - sono felice che le mie opere possano contribuire ad avvicinarci un po' alla normalità, indossando un accessorio elegante e lontano dall'asetticità delle mascherine chirurgiche”. Le mascherine limited edition di Elisabetta Rogai saranno presto in vendita sul sito di Agile oppure disponibili presso i canali social della pittrice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

  • Emergenza coronavirus non impatta sul mattone: Firenze città più cara d'Italia

  • Coronavirus, dipendenti senza mascherina: chiuso e multato un supermercato

Torna su
FirenzeToday è in caricamento