Batterio New Delhi, come viene combattuto dalla Regione

Il maggior numero di casi nell'Area Nord Ovest dove sono stati individuati 350 pazienti

Tutte le Aziende della Regione si sono attivate per affrontare adeguatamente il fenomeno dell'imprevisto aumento di positività al batterio NDM (acronimo di New Delhi metallo beta-lattamasi), rilevato tra fine del 2018 e inizio del 2019. Grazie all'impegno del personale sanitario, il numero di pazienti portatori dall'inizio della diffusione fino ad oggi è costantemente monitorato, i pazienti portatori sono prontamente individuati e vengono messe in atto regolarmente le dovute precauzioni igieniche per non permettere la diffusione del batterio. L'assessorato al diritto alla salute puntualizza così la situazione relativa alla diffusione, in particolare negli ospedali della Asl Toscana Nord-Ovest, di questo batterio resistente agli antibiotici.

17 morti sospette in Toscana

La diffusione dei batteri multiresistenti è fenomeno che non può essere arrestato in poco tempo, ma le azioni messe in atto sono consistenti e in linea con le migliori evidenze scientifiche. La tempestività degli interventi, tra l'altro, ha impedito che il batterio si diffondesse in maniera significativa anche nelle altre due Aree vaste. Il fenomeno sta quindi interessando in particolare l'Area Nord Ovest dove sono stati individuati 350 pazienti portatori di tali batteri resistenti, dei quali 44 pazienti infetti con presenza confermata di batterio nel sangue. Va ricordato che non tutti i soggetti che entrano in contatto con batteri resistenti ne diventano portatori e che solo una bassa percentuale dei soggetti portatori potrà contrarre poi un'infezione.

In questi mesi la Regione Toscana è stata in costante contatto con il Ministero della salute e l'Istituto superiore di sanità e il tema è stato oggetto di confronto all'interno del Tavolo regionale relativo al Piano Nazionale di Contrasto dell'Antimicrobico-Resistenza (PNCAR), a partire da marzo 2019. E' stata poi costituita una Unità di crisi regionale, tuttora attiva, della quale fanno parte professionisti esperti in materia di infezioni correlate all'assistenza nelle diverse discipline coinvolte.

Prodotto di questo costante lavoro è stato il decreto regionale del 26 luglio, con il quale sono state formalizzate le indicazioni operative già fornite a tutte le strutture sanitarie toscane. Con il decreto si fissano le modalità per effettuare lo screening in ingresso al momento del ricovero e per individuare le tipologie di strutture-degenze da tenere sotto controllo. Vengono inoltre individuati indirizzi omogenei a livello regionale per la gestione, sotto il profilo igienico sanitario, dei pazienti colonizzati/infetti, comprese le istruzioni da fornire alla dimissione, i protocolli terapeutici per la gestione clinica dei casi e e le indicazioni per la pulizia ambientale.

E' stato inoltre creato un database regionale retrospettivo e prospettico per i casi NDM, avvalendosi della collaborazione dell'ARS, l'Agenzia regionale di sanità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo scomparso: trovato morto, deceduto in incidente stradale

  • Maltempo: in transito l’ondata di piena dell’Arno in città / FOTO

  • Maltempo: attesa la piena dell'Arno / FOTO

  • Tramvia, destra e 5 Stelle attaccano: “No allo scempio, sì al modello cinese senza binari”

  • Chianti: Elsa in piena, evacuate 23 famiglie per rischio alluvione / FOTO

  • Morto il giovane rapper Cry Lipso 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento