Danziamo in Libertà, il progetto di Uisp d'integrazione sociale

Il corso si svolge dal 24 ottobre al 13 febbraio 2020: quindici appuntamenti il giovedì dalle 15.30 alle 17.30 presso la sala delle ex Leopoldine in piazza Tasso, 7 alla presenza di un operatore qualificato

“Danziamo in Libertà" è il progetto di UISP Solidarietà per promuovere lo sport come momento di socializzazione e integrazione, soprattutto per le fasce deboli della popolazione come anziani e persone con disagio mentale. Attraverso attività di danza integrata l’iniziativa si propone di aiutare gli utenti dei centri diurni di salute mentale del Quartiere 1, persone che stanno affrontando un lungo percorso di riabilitazione e che necessitano di occasioni di incontro, gli anziani del quartiere e in particolare gli ospiti del centro Il Fuligno.

Il corso si svolge dal 24 ottobre al 13 febbraio 2020: quindici appuntamenti il giovedì dalle 15.30 alle 17.30 presso la sala delle ex Leopoldine in piazza Tasso, 7 alla presenza di un operatore qualificato. Il corso è aperto a tutti, la frequenza del corso è gratuita, obbligatoria la tessera Uisp. Attraverso l’espressione corporea legata alla danza i partecipanti riescono ad entrare in contatto con sentimenti ed emozioni profonde. Danzare è un'attività che coinvolge tutti i sensi, stimola la ricerca di un ritmo interiore, favorisce il gioco ed il divertimento libero con la musica ed il proprio corpo creando nuovi terreni di comunicazione con gli altri. Infine aumenta il benessere psicofisico degli utenti del centri di salute mentale. La danza è quindi un mezzo per superare blocchi e barriere e aprirsi al mondo e agli altri.

L'iniziativa è organizzata in collaborazione con Ancescao per i centri anziani del Quartiere 1 e Progetto Itaca per gli utenti dei servizi di salute mentale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, altro caso sospetto a Firenze: il secondo tampone è positivo

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Coronavirus: due i casi positivi in Toscana, dopo Firenze anche Pescia

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

  • Lavoro: concorso per 84 assunzioni in Regione Toscana

  • Coronavirus, mistero sulla comitiva "fantasma" rientrata a Firenze dalla Cina

Torna su
FirenzeToday è in caricamento