'Eravamo tanto amati': 30 anni di sinistra attraverso i protagonisti della 'rossa' Toscana

In libreria il volume di Domenico Guarino, Andrea Marotta e Andrea Lattanzi: “Cosa è successo dall' '89 a oggi? Quale forza politica raccoglierà l'eredità del Partito comunista?”

Alle elezioni del marzo 2018, il PD ottiene circa 6 milioni di voti. Quasi gli stessi raggiunti dal PDS, nel 1992, al suo debutto dopo il sofferto scioglimento del PCI. A trent'anni dalla Bolognina, quando il più grande partito comunista d'Europa decise di cambiare nome, la Toscana rimane l'unica regione in cui gli eredi di quella tradizione, nata proprio a Livorno nel 1921, vincono e conservano una egemonia territoriale.

Cosa è accaduto in questi anni? La svolta lanciata nel 1989, all'indomani della caduta del Muro di Berlino, ha tradito le aspettative? E' possibile riconquistare quel consenso?” Se lo chiedono i giornalisti Domenico Guarino, Andrea Marotta e Andrea Lattanzi, nel volume (corredato da documentario) 'Eravamo tanto amati'.

“Abbiamo cercato queste risposte proprio nella 'rossa' Toscana, tra alcuni dei protagonisti di allora e di oggi. Ventiquattro interviste in tutto. Politici, docenti, giornalisti, personaggi dello spettacolo e della cultura. Per capire dove stia andando oggi la sinistra in Italia”, dicono gli autori.

Eravamo tanto amati non è una presa d’atto dell’esistente, ma un’analisi giornalistica a più voci per capire il futuro. La crisi del PD, e delle altre forze derivate dall’esplosione del PCI negli anni (da Rifondazione Comunista a SeL, da Sinistra Arcobaleno fino a LeU e Potere al Popolo), sancita dalle tornate elettorali degli ultimi dieci anni, diventa  lo specchio di una radicale trasformazione degli assetti politici nel nostro Paese.

“Per questo, all’indomani delle elezioni del 4 marzo 2018, continuiamo a chiederci se sia possibile per una forza politica – una qualsiasi forza politica – raccogliere, anche in parte, quell’eredità del PCI, a cominciare non solo dalla parte forse più attuale del patrimonio ideologico (per esempio il sostegno alle fasce deboli, l’attenzione al mondo del lavoro, l’interclassismo, l’abilità di coniugare il governo delle cose concrete con una tensione ideale e, in qualche modo, utopica) ma soprattutto di un elemento che oggi, nel dibattito complessivo, latita a qualsiasi livello: la capacità di suscitare il rispetto. Quello che il PCI si vedeva riconosciuto, primi tra tutti, dai suoi avversari”, sottolineano Guarino, Marotta e Lattanzi, alla presentazione del libro, già uscito nelle librerie, lunedì scorso alle Murate.

Il documentario

L'ultima intervista a Riccardo Conti (recentemente scomparso), insieme alle interviste a Michele Ventura, Guelfo Guelfi, Vannino Chiti, Giovanni Gozzini, Sergio Staino,  Fabio Evangelisti, Filippo Nogarin e Achille Occhetto, è al centro del videodocumentario, 'Eravamo tanto amati', a cura di Andrea Lattanzi, che nasce insieme all'omonimo libro firmato da Domenico Guarino e Andrea Marotta, per andare ad indagare sulle prospettive della Sinistra italiana, dopo la debacle elettorale dello scorso marzo.

Il documentario 'Eravamo tanto amati' sarà presentato in anteprima domenica 29 aprile, al cinema La Compagnia di Firenze, alle ore 19:00. Ingresso libero. Dopo la proiezione del film, ci sarà la presentazione del progetto editoriale e il dibattito con gli autori.

Potrebbe interessarti

  • Laura e Biagio negli stadi: tutte le informazioni sul concerto a Firenze

  • Negrita, la scaletta del concerto a Firenze

  • L'Enigma del Mostro di Firenze in tv

  • Le mostre da non perdere quest'estate a Firenze

I più letti della settimana

  • Disperso nel lago di Bilancino: ritrovato il corpo 

  • Famigliola di cinghiali a spasso a Careggi / FOTO

  • Carola Rackete: la Regione Toscana pensa ad un riconoscimento per la capitana della Sea Watch

  • Piazza dell'Isolotto: funerali del giovane Gabriele Vadalà / FOTO - VIDEO

  • Morte di Gabriele Vadalà: la lettera del padre

  • Incidente in zona Torregalli: perde il controllo dell'auto e abbatte un muro / FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento