Black Friday, a Firenze si spenderanno 9 milioni di euro

La cifra è data da un stima dell'ufficio studi Confcommercio

Tra il 29 novembre e il 2 dicembre a Firenze si spenderanno 9 milioni di euro (+18% rispetto al 2018), questa è la stima del dell'Ufficio studi Confcommercio, che tiene ovviamente conto anche dei turisti e di chi frequenta la città per motivi di lavoro e studio; "per quanto riguarda il solo dato delle famiglie fiorentine - precisa il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni -, almeno il 40% dovrebbe approfittare degli sconti secondo la nostra indagine, per una cifra che si aggirerà in media attorno ai 125 euro per nucleo familiare".

Fra i prodotti più venduti in queste prime ore ci sono capi di abbigliamento, scarpe e accessori in pelle, elettronica e giocattoli, ma anche prodotti di profumeria, casalinghi e oggettistica per la casa. “Questo dimostra che si tratta di acquisti sostitutivi di quelli che prima si facevano a Natale o, più in generale, nel mese di dicembre. Molti infatti approfittano degli sconti per rinnovare il guardaroba delle feste o per fare i regali", spiega Marinoni, “insomma, il Black Friday dà un’accelerata allo shopping di novembre, che si tradurrà quasi sicuramente in un rallentamento delle spese a dicembre”.

Black Friday a I Gigli

Semmai il problema per qualche famiglia è legato alla effettiva disponibilità di budget: “tanti aspettano la tredicesima per fare acquisti non strettamente necessari come i regali”, chiarisce il direttore di Confcommercio Toscana, “quindi gioco forza non potranno cogliere le occasioni legate al Black Friday. Che, come è successo per i saldi, da due anni a questa parte è diventato una specie di grande gioco collettivo dove tutti cercano di partecipare. Anche perché se nella versione statunitense tutto dura 24 ore, in quella italiana dura addirittura una settimana in alcuni casi”.

Black Friday, le opportunità (dal 29 novemebre al 2 dicembre)

Il Black Friday si conferma comunque un’occasione per i consumatori che potranno permettersi un acquisto in più. “Arrivato dagli Usa con una incredibile forza mediatica, ormai è diventato il vero momento di avvio dello shopping natalizio. Nella sola giornata di venerdì stimiamo un incremento medio delle vendite del 42%, soprattutto nel settore moda”, dice Marinoni. Ma per tante attività sarà un “venerdì nero” in senso letterale, “perché aumenteranno molto gli incassi e il ritmo del lavoro, non i margini di guadagno. E se le grandi catene puntano tutto sui volumi di vendita, per il piccolo dettaglio c’è la speranza che questo sacrificio serva almeno a farsi conoscere ed apprezzare da nuovi clienti, gettando le basi per uno sviluppo futuro degli affari”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi incidente a Ponte a Greve: traffico bloccato / FOTO

  • Tentati furti in casa: attenti alle fascette di plastica 

  • Giornata mondiale della pizza: ecco le pizzerie da provare a Firenze

  • Scandalo parcheggi abusivi, raffica di arresti. In manette anche il capo dei controllori Sas

  • Palazzo Vecchio: nuovi concorsi per posti di lavoro a tempo indeterminato in Comune

  • I mercatini di gennaio a Firenze

Torna su
FirenzeToday è in caricamento